Home / CULTURA / Sogno di una notte di mezza estate al Globe Theatre di Roma

Sogno di una notte di mezza estate al Globe Theatre di Roma

Nella notte di San Lorenzo, con la rievocazione del Silvano Toti Globe Theatre, è andata in scena la prima di Sogno di una notte di mezza estate. Una commedia Shakespeariana che porta allo scoperto l’onirico che si cela tra le pieghe del reale; e che nonostante il caldo asfissiante, ha riempito di emozioni e sensazioni il pubblico intero.

Atene.
Sono imminenti le nozze tra Teseo, duca d’Atene, e Ippolita, regina delle Amazzoni, da lui sconfitta e suo bottino di guerra. Al cospetto del duca si presenta Egeo, padre di Ermia, con i due pretendenti della figlia per chiedere il suo giudizio. Ermia rifiuta di sposare Demetrio, perché innamorata di Lisandro che ricambia i suoi sentimenti. Mentre Elena è la fanciulla innamorata di Demetrio il quale cerca di allontanarla in ogni modo. Nel frattempo un gruppo di artigiani e attori dilettanti, capeggiato da ”Bottom” si è rifugiato nel bosco per preparare la rappresentazione di una tragedia da mostrare in occasione del matrimonio del duca. Il bosco è abitato da fate ed elfi, regno di Oberon e Titania re e regina degli elfi, che si stanno contendendo un umano per farlo diventare paggio. E’ questo ” Sogno di una notte di mezza estate”. 

L’opera ha la regia di Riccardo Cavallo e sul palcoscenico troviamo nomi teatrali di grande richiamo, come Gerolamo Alchieri e Federica Bern. Una scenografia fatta di lanterne che come delle piccole fate Campanellino immergono gli attori nel regno di Oberon e Titania. 

Sogno di una notte di mezza estate cerca di sondare proprio l’irrazionalità che c’è alla base dell’amore, dove ci si rincorre o ci si respinge senza dei veri motivi. Ci si incontra per delle semplici casualità, si fanno delle scelte sulla base di niente e di tutto. Senza un vero perché.

Qui Oberon e Titania sono la componente onirica che domina lo spazio del racconto, dove  fate  e magie sono il loro quotidiano. All’opposto Teseo e Ippolita sono la componente tangibile che con le loro leggi e regole cercano di dominare il reale. Tra i due piani  si pone il gruppo di Chiappa, l’arte insomma, che con il suo linguaggio a metà tra l’aulico e il “basso” sono il ponte di congiunzione dei due mondi.

Uno spettacolo diviso tra ragione e sentimento, tra apollineo e dionisiaco, tra bello e bestiale, e di come nell’uomo questi opposti debbano scontrarsi e convivere. Ruolo del teatro è porsi fra i due per disvelare le profondità del cuore e delle passioni umane.

Alla fine la compagnia di Bottom riesce ad esibirsi davanti al duca d’Atene facendo della tragedia una farsesca parodia. In questa occasione è stata perfettamente arrangiata in forma di commedia napoletana, facendo ridere pubblico reale (noi) e pubblico di attori (Teseo Ippolita e gli altri). Alla fine della rappresentazione uscendo una bambina ha esclamato al papà: “che bello, il teatro nel teatro!”. La magia di Shakespeare arriva anche ai bambini.

Giuseppe Madonia

Anni? Quanti ne bastano per bere, fumare o dire parolacce. Per saperlo dovreste segarmi in due e contare gli anelli come si fa con gli alberi. Acquario ascendente leone, quindi egocentrico o altruista a seconda dei giorni. Non sto a dirvi quali giorni prevalgono. Ho preso a stento una laurea in ingegneria a Palermo con la quale sto cercando di darmi un tono di persona assennata a Roma, ma in realtà sono uno scansafatiche. Mi interesso a tutto quello che non definisco lavoro: fotografia, letteratura, poesia, arte, musica; perchè come disse Oscal Wilde: " il lavoro è il rifugio di coloro che non hanno nulla di meglio da fare"

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*