Home / MODA / Tartan e check – Il ritorno e le istruzioni per l’uso

Tartan e check – Il ritorno e le istruzioni per l’uso

Tartan e check tornano in pista sulle passerelle della stagione A/I’18 con mille sfumature e declinazioni

British e autorevole per Mulberry, Tory Burch e Marc Jacobs sulle passerelle del New York Fashion Week. Romantico e rivisitato in stile grande soirée o regina delle highlands da Jenny Packman. Più grounge e rock per Preen by Thornton Bregazzi  e Mara Hoffman, durante il London Fashion Week. Un mix tra fantino e guerriera per Loewe. Svolazzante e glamour per Sacai. Giocose ed originali le mise e gli accostamenti di Marco De Vincenzo che sovrappone il check e il tartan a diverse fantasie e a tessuti diversi.

Tartan e check sono un vero must have in questa stagione A/I ’18. Il nostro consiglio in generale è quello di non buttare mai questi capi perchè, essendo un classico, ritornano sempre.

Sicuramente, non è una fantasia facile da abbinare, ma seguendo i nostri consigli non sbaglierete.

Da ricordare sempre: NO al total look, NO agli abbinamenti con altre fantasie a meno che il capo sia già uscito così da negozio.

Ricordiamo che i quadri tendono ad allargare otticamente i punti critici, specialmente se posti nella parte inferiore della silhouette.

Scopriamo come abbinarli evitando tre effetti:  fagotto, pigiama e ultimo, ma non meno importante, vestite a caso.

Per quanto riguarda i pantaloni tartan meglio preferire quelli dal taglio maschile dritto e stile palazzo. Lo scozzese, come detto prima, tende ad allargare. Sui pantaloni palazzo poi il quadro diventa molto grande e la situazione peggiora. Quindi  in caso di fianchi molto ampi e cosce non molto lunghe e magre, meglio optare per il pantalone dritto con quadri piccoli a fondo scuro. Oppure decidere di “tartanizzare” la parte superiore del corpo.

tartanSi può puntare sugli accessori, come borse e sciarpe,  trench e cappotti che vanno bene alle rotondette. Ma attenzione al materiale. Da evitare i tessuti spessi e rigidi che ingoffano la figura.

Anche le gonne a fantasia scozzese tornano di moda, sia in versione mini, sia lunghe oltre il ginocchio, a pieghe e non, sia maxi per un tocco iper romantico. Per le gonne valgono le stesse regole dei pantaloni. Se si è rotondette scegliere quadri piccoli e materiali leggeri. Infine, da avere sempre nel proprio armadio come il filo di perle nel portagioie,  è il cappotto  o il trench tartan .

Il cappotto scozzese va abbinato ad un look semplice in colori scuri, mentre la sciarpa è perfetta con un trench beige. Le gonne e i pantaloni tartan sono perfetti con camicie bianche meglio se barocche per contrasto alla austerità del tartan, ma vanno bene anche i tagli più moderni.

Per un tocco più casual e  british abbinate dei maglioni morbidi a collo alto oppure a scollo rotondo.

Le scarpe da indossare con le gonne sono stivali in cuoio o mocassini, mentre con i pantaloni meglio stivaletti bassi alla caviglia o stringate maschili. La mini gonna dritta in tartan va a nozze abbinata ad uno  stivale al ginocchio o a delle décolleté dal tacco largo, magari dello stesso colore della riga più accesa e chiara  del capo tartan che indossate. Le camicie tartan sono perfette da sole, oppure con maglioni in lana a trecce.

Abbinamenti veloci

Blazer maschile in tartan con total look nero.
Total black anche in pelle e borsa con inserti in tartan.
Giacchetta corta di lana spessa in tartan, jeans e borsetta modello Chanel.

Ora siete pronte e ricordatevi che indossate un tessuto che vanta origine nobili e fiere, siate fiere di portarlo!

Scopri gli approfondimenti leggendo “Plaid e check  simili ma non uguali”

Elisa Madonia

Nata a Vigevano nel 1981, fin da piccola manifesta un senso estetico fuori dal comune, la contemplazione della bellezza la contraddistingue sempre in ogni sua attività.Terminati gli studi umanistici ed artistici si stabilisce per un pò in Scozia, luogo a cui è tuttora fortemente legata . Lì la sua natura d'esteta ha ampia libertà, tra negozi di antiquariato e mostre intraprende un percorso che la porta a perfezionare la sua ricerca del bello. Lavorando come hostess a bordo delle navi da crociera e poi come store manager viaggia molto, dalla penisola scandinava alla Russia, dal Sud Africa all' Estonia. È Al ritorno da uno di questi viaggi che, stanca di stare a guardare la bellezza d' altrui invenzione, decide di crearne un tutta sua, ideando una linea di gioielli di ispirazione retrò che chiamerà Elision. In questa linea sono racchiusi tutti i suoi amori, il medioevo, gli anni ruggenti, la Scozia con le sue leggende, i pittori preraffaeliti e tante altre passioni impossibili da elencare in poche righe. Chiunque conosca Elisa si rivolge a lei per chiederle dei consigli estetici su come arredare casa o su cosa indossare per far risaltare la propria figura e state pur sicuri che lei creerà ambientazioni ed outfit unici donando ad ogni persona la giusta anima

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*