Home / CULTURA / ARTE / Arte e idea in movimento questo è Leonardo della NoGravity Dance company al Biondo

Arte e idea in movimento questo è Leonardo della NoGravity Dance company al Biondo

Nel 500° anniversario della morte di Leonardo Da Vinci, la No Gravity Dance Company di Emiliano Pellisari dedica al genio toscano la stupefacente  coreografia, acrobatico illusionistica, Leonardo. Il debutto al teatro Biondo di Palermo venerdì 27 dicembre. Resterà in scena fino al 6 gennaio 2020, repliche anche il 1 gennaio.

Balletto dell’immaginifico, esempio vivido di teatro delle meraviglie rinascimentale, questo il Leonardo  di Emiliano Pellisari per la NoGravity Dance Company. Arte in movimento come pura e sorprendente bellezza estatica. Leonardo è un gioco di percezioni e illusionismi che rapiscono.

In quattordici movimenti altrettanti tableaux vivants, narrazioni e allegorie d’arte e d’ingegno leonardesco. Nel buio di fondo del palcoscenico, il susseguirsi armonico di mistiche visioni, onirici riflessi e mitiche raffigurazioni. Il tutto nella perpetrata trascendenza dei corpi di sei splendidi giovani prestanti danzatori.

Nel avvicendarsi della danza: la bellezza classica accademica ed il vigore aereo e sinuoso dell’acrobatismo. A sostenerla, una selezione di musiche tardo medioevali e rinascimentali registrate dalla No Gravity ensemble presso lo studio Pellisari, diretta dal maestro Testolin.

Una raggiera di telamoni, recanti grandi sfere di marmo, per mezzo di movimenti accurati, lenti e solenni, si compone e scompone in suggestioni architettoniche. A tale solidità materica sfuggono, energiche e leggiadre, acqua ed aria. Esse si rincorrono,  con un effetto slow motion, nel chiarore  sospeso di un candido fascio di luce che le abbraccia e sospinge.

Nella Vergine annunciata, l’unica autentica  figura di donna a calcare la scena. Candida, riverente, quanto mai attoriale. Nell’opera che la ispira,  l’Annunciazione, un eclatante errore pittorico di prospettiva. Un espediente per il Pellisari onde sottolineare la natura terrena di Maria. Dal suo leggio di marmo, lo sgorgare fluido delle moderne intuizioni leonardesche. Con lo spirito inseminatore dell’arcangelo Gabriele, dalla avvenenza bruna,  il primo prototipo d’ali dell’umanità.

Serpentine poltrone Palton  in sottili giochi di equilibrio e rotazione  si tramutano in infiorescenze e simboli cristologici. Nella primavera, invece, armoniche sagome arboree oscillano e si piegano, tra entrechat six e lunghe falcate, al delicato librarsi d’uno zefiro dalla ampissima gonna a campana.

Come in purpurei affreschi pompeiani, si stagliano sul fondo scena, al battagliare di percussioni, uomini dalle teste equine cavalcati da invasate baccanti. Ad esso si contrappone, il riflesso allo specchio, uguale e diverso, concavo e convesso, della femminilità dissimulata e fascinosa.

Con le Metamorfosi  botaniche di mascolini ninfei, eco dell’omonimo poetico testo di Ovidio, la sovrumanità in divenire  del mutamento. Vi succede il fondersi nervoso d’atomi ed il respingersi di neutroni e protoni. Nell’azzurrognolo d’un ingrandimento, larghe gorgiere inanellano visi  puntuti e braccia dalle movenze spigolose.

Al soave non detto della Monna Lisa, il balletto regala la molteplicità del femminile nonché le sue innumerevoli implicazioni. Donne che da un unico corpo, semplice involucro, si ergono e fluttuanti si manifestano. Nell’insoluto fulgido della Gioconda un gentil gesto, privo di collo, di volto e d’espressione.

A chiudere lo spettacolo, una cerulea Madonna addolorata. Ella, abbandonata l’ormai affranta ombra del suo corpo terreno, s’invola in spirito verso l’aureo sacrificio del biondo diletto figlio. Insieme danzano, anime beate nell’aria rarefatta, componendosi in un ultima struggente pietà.

Segue l’uomo vitruviano la cui plastica ed estesa bellezza muscolare, è carezzata dalla grazia ludica del firmamento ed inscritta nella potenza generatrice del cosmo. Alla biblica narrazione dell’ultima cena, Pellisari coniuga una istallazione semovente di corpi che,  trasversali o calanti dall’alto, solcano prepotenti l’imprescindibile linearità d’un tavola. L’ultimo atto sociale del Cristo, tra bocche anelanti l’estrema salvezza e le fauci digrignate di colui il quale, silenzioso, tradisce.

Leonardo, può ben dirsi lo spettacolo di punta della stagione 2019-2020 del teatro Biondo, nell’era Villoresi. Una preziosissima ed imperdibile messa in scena a cavallo dei due decenni. Il pubblico dapprima titubante, riguardo una così complessa e insolita performance, mostra infine di gradire. Ai sei danzatori della compagnia, finalmente sul proscenio ed in abiti da cortigiani quattrocenteschi, è finalmente tributato un meritato, caloroso, applauso.

La Gioconda

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Enrico Rosolino

Enrico Rosolino apre il suo cuore al mondo delle arti alla tenera età di 2 anni, allorquando assiste alla proiezione cinematografica del lungometraggio animato di Walt Disney, Biancaneve e i sette nani. Ha inizio così un lungo percorso di scoperta e apprendimento nel variegato e sfaccettato mondo delle arti. Da piccolissimo si appassiona alla recitazione. Negli studi pone molta enfasi e impegno nelle materie umanistiche e, dunque, sceglie un liceo Classico. Durante l'adolescenza si diletta nella lettura ed interpretazione -a voce alta- dei classici greci. A 15 anni si avvicina concretamente al mondo della danza. Prende lezioni di balletto classico per 12 anni, e ad anni alterni segue dei corsi di danza moderna e contemporanea. L'arte coreutica diviene la sua più grande passione e territorio prolifico di ricerca. Si laurea allo STAMS di Palermo, e si specializza al DAMS di Bologna. Nel capoluogo emiliano affina e porta a più completa maturazione le sue conoscenze e il suo senso estetico e critico d'ambito teatrale. Viaggia molto, visita Parigi, New York, Londra, Barcellona, Copenaghen, Boston, Atene e molte altre città del mondo godendo di un approccio diretto e sentimentale con le di loro bellezze artistiche e culturali. Vive attualmente a Palermo e coltiva moltissimi interessi nei più svariati contesti. Per Verve si occuperà della rubrica dedicata al Teatro e agli eventi dal vivo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*