Home / BELLEZZA / Cetty Anello – make up artist si racconta a Verve: “Ecco come ho realizzato il mio sogno”

Cetty Anello – make up artist si racconta a Verve: “Ecco come ho realizzato il mio sogno”

Negli ultimi anni si è sempre più affermata la figura del make up artist (MUA), professionista di trucco e bellezza. Cetty Anello è una di questi  e ci svela come ha realizzato il suo sogno.

 

_20160308_185219

Cetty Anello

Cetty Anello è una splendida professionista del settore make-up,  fra le più attive e ricercate, fondatrice e docente della Make up training a Palermo (scuola per MUA in via Domenico Scinà, 28) e famosa per la sua capacità di esaltare la bellezza di ogni donna.

L’abbiamo intervistata per conoscerla meglio e farci raccontare del suo sogno divenuto realtà.

Come hai iniziato la tua professione?

Devo dirti che è iniziata quasi per caso, avevo 18 anni quando con il mio ragazzo abbiamo deciso di intraprendere una piccola “avventura” nel mondo della fotografia. Lui scattava ed io, pian piano, ho deciso di occuparmi del Make Up. All’inizio era solo un hobby, poi si è accesa in me la scintilla della passione per il mondo della bellezza e… ho deciso di farlo diventare il mio lavoro! All’inizio è stata dura, ho continuato i miei studi universitari sino alla laurea, lavoravo nelle pause tra una sessione d’esami e l’altra, ma con dedizione sono riuscita comunque a formarmi anche nel mondo del Make Up frequentando corsi sia in Italia che all’estero. Dopo la laurea tutto è diventato più semplice… più o meno.

Che difficoltà hai incontrato nel tuo percorso e come le hai superate?

Ti ringrazio per la domanda e ci tengo a parlarne soprattutto per far capire alle aspiranti M.U.A. ed alle mie allieve che, come tutti i liberi professionisti, anche noi abbiamo un percorso difficile. Innanzitutto , quando ho cominciato la mia carriera, era circa il 2008, a Palermo la professione di Make Up Artist era confusa con l’estetista. Le mie prime clienti non facevano distinzione tra le due figure e questo causava non pochi problemi. Considera anche che quello della Make Up Artist era, e forse è ancora, un mestiere molto sottovalutato, non tutti riescono a percepire il percorso formativo che sta dietro l’inizio di questa professione, né gli sforzi che ognuna di noi deve fare, tanto meno l’investimento monetario necessario all’acquisto di prodotti di ottima qualità. Poi ci sono tutti i problemi legati alla libera professione, su tutti procacciarsi nuovi clienti. Bisogna crearsi un nome, un brand, affermarsi nell’area geografica e fare in modo che i potenziali clienti ti percepiscano come la migliore truccatrice. Superarle non è stato semplice. La ricetta per farlo?! Dedizione, impegno, passione e tanta tanta voglia di imparare!
Io ho anche deciso di seguire un sogno received_10209171830477594che avevo fin da ragazza, ovvero fondare la prima scuola di Make Up a Palermo, inseguirlo è stato difficilissimo! Mi sono dovuta scontrare con un mondo totalmente nuovo, ho dovuto creare un’azienda partendo da zero, e qui ci sarebbero da elencare tante altre difficoltà che sono state superate con la stessa ricetta, una Socia ed un fidanzato, oggi marito, esperto in marketing e branding. “Make up training”, la mia scuola, è frutto di tutto questo.

Sei una delle MUA più conosciute e apprezzate di Palermo. Quali sono le qualità di una MUA di successo?

Che domanda difficile! Cercherò di essere sintetica. Innanzitutto bisogna essere umili: mai pensare di conoscere tutto del make up. E’ impossibile! Bisogna tenersi sempre aggiornate, formarsi sulle nuove tecniche, leggere tanto e guardare tante fotografie. Un’altra qualità fondamentale è l’empatia, bisogna creare un legame di fiducia con tutti i propri clienti, poi non dobbiamo sottovalutare la disponibilità: abbiamo spesso a che fare con le spose e le famiglie coinvolte, sempre con mille aspetti da organizzare fra cui anche il make up. Dobbiamo cercare, per quanto possibile, di andare incontro alle loro esigenze. In ultimo, ma sicuramente non meno importanti: talento e creatività, due ingredienti fondamentali per ogni MUA di successo!

La stagione dei matrimoni si avvicina, la MUA è una delle figure professionali più indispensabili di una sposa e ansia e aspettative sono tipiche della scelta. Cosa consiglieresti alle spose per essere sicure di aver scelto la MUA giusta?

Ogni truccatrice ha la sua tecnica, bisogna scegliere chi trucca in base ai propri gusti personali. Inoltre, il legame empatico, così come già detto, è fondamentale: la MUA giusta deve capire come la sua sposina desidera vedersi il giorno delle sue nozze, ogni dettaglio, ogni sfumatura, deve rispettare le sue abitudini di make up, non stravolgere i suoi lineamenti, valorizzare la sua bellezza e soprattutto non tralasciare l’effetto sorpresa! Diciamocelo: la sposa è la protagonista delle nozze.
Permettimi invece di dare un consiglio alle spose: fidatevi della vostra MUA, lasciate libero sfogo alla sua creatività, evitate di mettere troppi paletti. Del resto, noi facciamo il nostro mestiere da tanto tempo, sappiamo ciò che è meglio per voi e rispetteremo i vostri gusti. non preoccupatevi!

Cos’è indispensabile per un buon make up sposa?

Questa è facile! 3 punti fondamentali:

– Deve avere un’ottima resa fotografica
– Deve essere duraturo (molto!) e waterproof (forse anche di più!)
– Deve essere in sintonia con tutti gli altri dettagli: acconciatura, abito, eventuale tema del matrimonio

Quali sono i make up che vedremo di più sulle spose di questa Primavera Estate 2016?

Le tendenze sono importanti ma non sono tutto! Le spose non possono seguire solo le tendenze. Così nel make up, come nella moda, non sempre ciò che vediamo in passerella è giusto per noi. Il trucco deve rispecchiare ciò che siamo, le nostre abitudini, la nostra fisionomia, il nostro rapporto con lo specchio.
Sicuramente questa primavera estate 2016 vede come protagonista smokey soft nei toni del bronzo e borgogna, labbra nude e pelle di porcellana.

Ti sei recentemente sposata la domanda è d’obbligoti sei truccata tu o anche tu ti sei affidata ad una MUA? Che make up hai indossato per il tuo “Si, lo voglio”?_20160308_174610

Per il giorno delle mie nozze ,nonostante ciò che si possa pensare, non mi sono lasciata travolgere dall’emozione ed ho realizzato da sola il mio make up: uno smokey eyes dai toni cangianti del verde, fumo e marrone caldo, labbra naturali e contouring accentuato. Però devo confessarvi un segreto: Sabrina Miloro, la mia collega, ha contribuito a realizzare il make up intervenendo nei momenti di … panico!

 

 

 

 

Ringraziamo Cetty Anello per la disponibilità e la simpatia.

Di seguito i riferimenti in cui poter osservare gli altri lavori e prendere eventuali contatti.

Profilo Facebook: Cetty Anello

Pagina Facebook: Make Up Training

Sito: www.makeuptraining.eu

Giulia Marguglio

Giulia Marguglio, 29 anni, insegnante e pedagogista, a breve pedagogista clinico. Dopo tanti anni di lavoro con i bambini opera attualmente nel campo della salute mentale degli adulti. Spesso, schiacciati da mille impegni e accadimenti, dimentichiamo di prenderci cura di noi stessi e delle persone che ci circondano. Veniamo trascinati dagli eventi senza fermarci a riflettere, non riusciamo a comprendere cosa ci succede o come vivere maggiormente in equilibrio con noi stessi nella nostra realtà. Da qui il desiderio di condividere uno spazio dedicato al benessere che possa essere utile e al tempo stesso offrire spunti di riflessione su temi cari a tutti perché ci sono propri. Gli articoli non sostituiscono in nessun modo il consulto professionale di pedagogisti, psicoterapeuti e altri professionisti dell'aiuto alla persona.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*