Home / CULTURA / Davide Shorty, da X Factor a Palermo. Mini live al Conca D’Oro

Davide Shorty, da X Factor a Palermo. Mini live al Conca D’Oro

Disegni e striscioni per Davide Shorty, il cantante palermitano di XFactor, che è tornato nella sua città per un minilive al CC Conca d’Oro: “Essere qui è un’emozione e l’ affetto delle persone è un dono per cui spero di riuscire a meritarlo”.

 

13shorty

Davide Shorty con alcune fans

Direttamente da XFactor 9, il talent show piu’ seguito dagli italiani, Davide Sciortino, in arte Shorty, è tornato nella sua città natale in occasione del quarto compleanno del centro commerciale  Conca d’ Oro di Palermo, per un minilive tra i fans che sin dall’inizio del programma l’ hanno apprezzato e sostenuto.

” Il suo genere musicale è unico e  la sua voce fenomenale, riuscirebbe ad incantare chiunque lo ascoltasse” , e ancora , ” La sua anima  soul conquista il cuore e i suoi occhi la mente”– parlano cosi’   ragazze e  ragazzi venuti ad ascoltarlo con tanto di maglie che portano il suo nome e striscioni che esprimono tutto il loro affetto verso il cantante. Davide Shorty, che prima del successo si esibiva nei pub underground della città ed è poi volato a Londra per inseguire il suo sogno, è rimasto quel ragazzo umile che ha iniziato facendo Rap con gli amici nella piazze palermitane.

Lo abbiamo intervistato nel back stage dell’evento.

Davide, come sei cambiato dopo X Factor?

20shorty

Davide Shorty con i vincitori del contest fotografico indetto dal Conca D’Oro

“Io non sono cambiato, ho certamente più’ consapevolezza di alcune cose e  ho un controllo dell’ansia leggermente migliore. Io sono molto ansioso, devo ammetterlo. E poi, come si fa a non essere emozionato quando vedi tutte queste persone che ti vogliono bene? Tutto l’affetto che sta arrivando in questo momento non è una cosa a cui  m’abituerò’ mai  e non lo do per scontato. Meritare l’affetto delle persone è un dono ed io spero di riuscire a meritarlo”. 

Ad oggi, cosa ti ha lasciato il talent?

“Sicuramente un sacco di unione. Inaspettatamente, quando si parla di talent show si pensa ad una competizione e tante invidie. Ma quest’anno, forse perchè sono state selezionate persone con un background  e con un percorso artistico di un certo tipo, si è creata davvero una bella coesione tra tutti i concorrenti. Era senza dubbio un regime molto rigido di lavoro e di preparazione, ma è stata una bella esperienza umana”.

08shorty

Davide Shorty con una fan

Possiamo dire che hai iniziato la tua esperienza musicale come artista di strada, cosa pensi del fatto che il Comune di Palermo oggi abbia messo alle strette queste persone?

Io ho iniziato facendo Rap tra i gradini di Piazzale Ungheria e Piazza Politeama, e la strada, beh… è stata una grande maestra per me. Colgo l’occasione per mandare un saluto al mio fratellone Hols, l’olandese che è stato il pioniere della musica da strada a Palermo e trovo assurdo che non vi siano regolamenti che consentano alle persone di esprimersi e portare dell’arte nelle strade. E’ un invito che faccio alle istituzioni, deve esserci un regolamento nel rispetto dei cittadini e dell’arte stessa”.

04shorty

Davide Shorty con le sue nonne venute a supportarlo al mini live del Conca D’Oro

Davide, un’ultima domanda, che consiglio daresti ai giovani che vogliono intraprendere la tua stessa carriera?

“Studiare, studiare tanto, non fermarsi mai, di crederci, di coltivare il proprio talento e soprattutto di non arrendersi, di non farsi distrasse dai social network, di non illudersi. Quest’industria è una giungla, ci sono sciacalli e anche tante cose belle, bisogna andare avanti per il meglio”.

Valentina Vadalà

Dottoressa in giurisprudenza, appassionata di legge e di moda, sono una persona determinata, ambiziosa e caparbia. Sono una romantica, innamorata dell'amore in tutte le sue forme. Amo i colpi di scena e gli imprevisti, quelli belli che ti cambiano la vita. Su Verve mi occupero' di moda. Vi parlero' delle tendenze del momento, di colori brillanti e abiti mozzafiato. Vi portero’ alle sfilate piu’ cool, ai cocktail piu’ chic e sulle croisset piu’ fashion del 2000. Cosa voglio fare da grande? L’ avvocato o la giornalista. Chi vincerà?!

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*