Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Al via il Mercurio Festival presso i Cantieri Culturali della Zisa

settembre 24 @ 21:00 - settembre 29 @ 21:00

5€

Si apre martedì 24 settembre,  alle ore 21:00, presso lo Spazio Franco ai Cantieri Culturali alla Zisa, il Mercurio Festival. Il festival è una realizzazione  Babel e Spazio Franco. Sostenuto dalla Fondazione Unipolis (poichè vincitore del Bando Culturability ’18) e dall’Assessorato alle Culture e alla Partecipazione Democratica. 

Il Mercurio è il primo Festival italiano in cui la direzione artistica sarà affidata direttamente agli artisti! Un esperimento di fluidità tra le arti, destinato a crescere e a modificare l’idea consolidata di festival. Saranno infatti coinvolti registi e attori teatrali e cinematografici, ma anche musicisti, artisti visivi, fotografi e performer di respiro nazionale, per un festival senza sezioni o categorie.

Il Mercurio Festival si terrà dal 24 al 29 settembre presso i Cantieri Culturali della Zisa.  Di seguito, gli artisti partecipanti: Compagnia Abbondanza-Bertoni, Babilonia Teatri,  Carullo-Minasi, Marco Cacciola, Giorgio Canali, Ippolito Chiarello, Mimmo Cuticchio, Marco D’Agostin, Giorgio Ferrero, Fiebre Photobook, la Rappresentante di Lista, Andrea Masu, Pixel Shapes e Angelo Sicurella, Paolo Antonio Simioni, Turi Zinna.

Il primo spettacolo martedì 24 settembre. Sulla scena: Conferenza tragicheffimera del duo Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi.

Sbarca su Mercurio una donna “alata”.  È la protagonista di un monologo; una non più giovane donna che, iscritta da anni all’ufficio collocamento, riceve in omaggio dall’ente teatrale del comune di appartenenza un paio di ali molto ben confezionate con annessa rinnovata carta d’identità, con, alla voce professione, il titolo di attrice. Il dono/riconoscimento rientra nelle operazioni di dismissione del teatro e dell’attigua costumeria a fini di mutazione dell’edificio medesimo in supermercato.

Le ingombranti, schiaccianti ali si avvicenderanno in scena mettendo in chiaro, oltre che in “atto”, l’impossibile poco artistica impresa della donna di spiccare il volo. Nonostante tutto, manipolata dall’oggetto, proprio partendo dal limite in cui si ritrova immersa, la donna riconosce la propria, personale, poco burocratica direzione e ritrova il suo vero verso.

Conferenza tragicheffimera pone allo spettatore una morale: “Perdere tutto significa ritrovare tutto. Cercare non fuori di sé, ma dentro di sé”.

 

Luogo

Spazio Franco
Cantieri Culturali della Zisa
Palermo, Italia 90100 Italia
+ Google Maps

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*