Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

La Stagione 2019 del Teatro Massimo tra tradizione,innovazione e curiosità

19 gennaio 2019 @ 20:30 - 23 dicembre 2019 @ 20:30

€15 - €125

Si inaugura il 19 gennaio, con una Turandot di Puccini ambientata in una  immaginaria Cina del 2070, la stagione 2019 del Teatro Massimo. Una stagione che vedrà un’alternanza dei titoli del grande repertorio operistico, sinfonico e di danza con altri di ascolto più raro e che in alcuni casi rappresentano una prima assoluta, in uno stretto intreccio di tradizione, innovazione e curiosità.

Dieci opere, 3 balletti, per un totale di 13 spettacoli nella stagione 2019 del teatro Massimo, con un totale di sei nuove produzioni; dieci concerti sinfonici e sei recital di canto (che tornano sul palco assecondando la grande richiesta del pubblico). Le coproduzioni coinvolgeranno teatri italiani (Bologna e Napoli), ed europei (Karlsruhe e Kiev), mentre in febbraio il Teatro Massimo si recherà in tournée in Oman.

A presentare la stagione 2019, nella Sala Grande del Teatro Massimo martedì 25 settembre 2018, il sovrintendente Francesco Giambrone. Con lui il direttore musicale Gabriele Ferro, il sindaco di Palermo e presidente della Fondazione Teatro Massimo Leoluca Orlando, e Lucia Di Fatta dirigente regionale al Turismo, in rappresentanza dell’assessore regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo Pappalardo.

Stagione 2019

Bozzetto per Turandot

Si inizierà dunque con Turandot diretta da Gabriele Ferro nella visione del regista Fabio Cherstich con il visionario e avenieristico concept art dei videoartisti russi AES+FIn scena ad incarnare l’algida Turandot vi sarà il soprano Tatiana Melnychenko, il tenore americano Brian Jagde farà il debutto europeo nel ruolo di Calaf, mentre Liù sarà il soprano Valeria Sepe

Dal repertorio lirico italiano anche, Pagliacci, La Traviata e Il Barbiere di SivigliaPagliacci di Leoncavallo, a giugno, viene riproposto nell’allestimento e la regia di Lorenzo Mariani e scene e costumi di Maurizio Balò. Sul podio Daniel Oren e in scena Martin Muehle (Canio). Il ruolo di Nedda sarà affidato a Valeria Sepe, mentre Tonio sarà Amartuvshin Enkhbat.

Stagione 2019

Lisette Oropesa

Cuore del repertorio operistico italiano La Traviata di Verdi, dal 13 settembre prossimo, tornerà sulla scena del Massimo con l’allestimento e la regia di Mario Pontiggia e le scene di Francesco Zito e Antonella Conte. Al debutto nel ruolo di Violetta il soprano Lisette Oropesa, mentre nel ruolo di Alfredo ci sarà Ivan Ayon Rivas e in quello di Germont Simone del Savio. Sul podio il palermitano Alberto Maniaci, giovane direttore che si sta affermando e che è stato inserito da «L’espresso» tra le “bacchette d’assalto” della nuova generazione.

Altro titolo amatissimo che tornerà il prossimo settembre, in alternanza con La traviata, sarà Il barbiere di Siviglia, con la regia di Pier Francesco Maestrini e i divertenti cartoni animati di Joshua Held. Gianluca Capuano dirigerà un cast che vedrà il ritorno di alcuni artisti già noti al pubblico del Teatro Massimo, come Levy Sekgapane (Conte d’Almaviva), Marco Filippo Romano (Don Bartolo) e i palermitani Chiara Amarù (Rosina) e Vincenzo Taormina (Figaro).

Stagione 2019

Ludovico Einaudi

Winter Journey è l’opera commissionata dal teatro Massimo al compositore Ludovico Einaudi; andrà in scena in una prima rappresentazione assoluta il 4 ottobre 2019. Regia di Roberto Andò mentre il libretto è dello scrittore irlandese Colm Tóibín.

Winter Journey racconta il difficile viaggio di un uomo dalla sua città natale, straziata dalla guerra, verso la speranza di un futuro migliore in un gelido paese del Nord. Scene, costumi e luci sono di Gianni Carluccio. Lo spettacolo, in coproduzione con il Teatro San Carlo di Napoli, vedrà Orchestra e Coro del Teatro Massimo diretti da Carlo Tenan.

Pagine poco frequentate e poco conosciute del nostro repertorio, trovano nella stagione 2019 un eccezionale vetrina.

Allex Aguilera

A fine febbraio 2019 prima rappresentazione a Palermo de La favorite di Donizetti nella versione in lingua francese: la regia sarà di Allex Aguilera, scene e costumi saranno quelli eleganti e raffinati di Francesco Zito. Alla testa dell’orchestra sarà Francesco Lanzillotta, mentre nel ruolo della protagonista sarà Sonia Ganassi. In scena anche il tenore John Osborn, il baritono coreano Julian Kim, che torna a Palermo dopo il grande successo della stagione scorsa per I puritani, e il basso Marko Mimica.

Il 18 aprile debutto per Idomeneo di Mozart con l’allestimento del Teatro delle Muse di Ancona; regia, scene e costumi di Pier Luigi Pizzi. A dirigere l’orchestra del Teatro Massimo tornerà Daniel Cohen, in scena un cast che vedrà l’atteso ritorno del tenore René Barbera nel ruolo del titolo e del soprano Carmela Remigio come Ilia.  Al debutto palermitano del soprano Eleonora Buratto nel ruolo di Elettra e del mezzosoprano giapponese Aya Wakizono in quello en travesti di Idamante. L’Idomeneo manca dal teatro Massimo dal 1983, e anche allora fu dato alle scene presso il teatro Politeama. Dunque mai rappresentato nella sala del Basile.

Altra chicca, dal repertorio romantico tedesco, l’oratorio profano Das Paradies und die Peri (Il paradiso e la peri) di Robert Schumann, per la prima volta al Teatro Massimo in forma scenica. Regia, scene, costumi, video e luci de giovane collettivo teatrale Anagoor e la drammaturgia (appositamente studiata) di Klaus-Peter Kehr. A dirigere sarà il direttore musicale del Teatro Massimo Gabriele Ferro. In scena un cast che comprende i soprani Sarah Jane Brandon e Valentina Mastrangelo, il mezzosoprano Marianna Pizzolato, il tenore Maximilian Schmitt e il baritono Albert Dohmen.

Stagione 2019

Il ritorno di Ulisse in patria

Ad inizio Febbraio il Teatro Massimo ospiterà una versione de Il ritorno di Ulisse in patria di Claudio Monteverdi con la regia e le animazioni video dell’artista sudafricano William Kentridge e la direzione di Philippe Pierlot, alla testa dell’ensemble di strumenti antichi Ricercar Consort. Si tratta di una versione che dal 1998 a oggi è stata presentata in tutto il mondo: i personaggi sono sdoppiati tra le marionette a grandezza naturale e i cantanti che li muovono.

Stagione 2019

Una scena dal celebre film My Fair Lady con Audrey Hepburn

A sdoganare l’idea malsana del musical come arte minore, per la prima volta sul palcoscenico del Massimo My Fair Lady, con le notissime musiche di Frederick Loewe e i testi di Alan Jay Lerner.

A dirigere l’orchestra per My Fair Lady sarà Wayne Marshall, che torna a Palermo dopo il Concerto di Capodanno 2018 del Teatro Massimo; la regia sarà quella di Paul Curran con le scene di Gary Mc Cann, per lo spettacolo realizzato in coproduzione con il Teatro San Carlo di Napoli. Orchestra, coro e corpo di ballo del Teatro Massimo.

Prezioso e coraggioso il cartellone della Danza. Il sovrintendente Giambrone, parla dei danzatori come artisti “resilienti” dalla grande qualità e versatilità, e come il sindaco Orlando, annovera il corpo di ballo quale elemento fondamentale dell’ente pubblico, su cui puntare onde accrescerne il prestigio a livello nazionale.

I coreografi del collettivo KOR’SIA

Il 20 marzo lo spettacolo di danza Preljocaj – Kor’sia presenterà in un’unica serata Annunciation di Angelin Preljocaj, con musiche di Vivaldi e Stephane Roy, e una nuova creazione del collettivo Kor’sia realizzata per il Corpo di ballo del Teatro Massimo. A dirigere l’Orchestra del Teatro sarà Tommaso Ussardi.

Secondo appuntamento con la danza l’8 maggio per Pink Floyd / Carmen Suitespettacolo che unisce due titoli per il Corpo di ballo del Teatro. Nella prima parte verrà riproposto Pink Floyd – Atom Heart Mother, creazione di Micha van Hoecke per il Corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo sulle musiche di Atom Heart Mother dei Pink Floyd. Nella seconda parte invece Carmen Suite con la coreografia di Alberto Alonso vedrà tornare a Palermo l’étoile Svetlana Zakharova, in un allestimento del Teatro San Carlo di Napoli. A dirigere l’Orchestra del Teatro Massimo sarà Aleksej Baklan.

Stagione 2019

Jacopo Tissi

Infine a dicembre un grande classico natalizio, il balletto Lo schiaccianoci con le struggenti melodie di Čajkovskij, presentato nella coreografia di Lienz Chang ispirata a quella originale di Marius Petipa. In scena nel ruolo del protagonista vi sarà la nuova stella della danza Jacopo Tissi, che debutta al Teatro Massimo; con lui il Corpo di ballo, l’Orchestra diretta da Alessandro Cadario e il Coro di voci bianche del Teatro Massimo, in un allestimento del Teatro Nazionale dell’Opera di Kiev.

Una novità per la stagione 2019 sarà il ritorno dei recital di canto, dedicati a sei grandissimi nomi della scena lirica internazionale: Mariella Devia, Nicola Alaimo, Jessica Pratt, Ian Bostridge, Anne Sofie von Otter e Waltraud Meier.

stagione 2019

Mariella Devia

La stagione sinfonica 2019 abbraccia un repertorio vasto ed eterogeneo, spaziando dalla musica barocca (La santa Rosalia di Bonaventura Aliotti) al Jazz e si segnala per un’attenta selezione di grandi direttori d’orchestra e per la collaborazione con altre realtà musicali del territorio, dal Brass Group al Conservatorio di Musica di Palermo. Da segnalare i tre concerti dedicati a Johannes Brahms, che in pochi giorni permetteranno di ascoltare alcune delle opere più significative del compositore, compreso il Requiem tedescodiretto dal direttore musicale Gabriele Ferro.

Gli abbonati che rinnovano anche per il 2019 (a partire dal 9 ottobre e fino al 4 novembre) per la prima volta dopo tanti anni non dovranno pagare il diritto di prelazione sugli abbonamenti. Nuovi abbonamenti a partire dal 13 novembre, e tariffe particolarmente interessanti per chi sceglie la formula completa di abbonamento che comprende opere, balletti, concerti e recital.

stagione 2019

Modellini del teatro Massimo di Artificial

Come già nelle stagioni passate, il Teatro Massimo continuerà a proporre le dirette streaming delle opere sul canale della WebTv. Continua anche la collaborazione con Artficial, che già l’anno scorso aveva realizzato i cloni per le singole opere e che quest’anno ha riprodotto il Teatro Massimo.

Anche per la stagione 2019 il Teatro Massimo può contare sul sostegno dei privati: i partner Fondazione Sicilia, Sispi, Amap, Amg Energia, Omer, Volotea, con il recente ingresso di GNV e di Sicily by Car, ai quali si aggiunge il contributo prezioso di tutti i sostenitori Art Bonus (Tasca d’Almerita, Caffè Morettino, Sais Autolinee, Agostino Randazzo, Dell’Oglio, Filippone Assicurazione, Giuseppe Di Pasquale, Alessandra Giurintano Di Marco, Istituto Clinico Locorotondo, Annibale Berlingieri). Sponsor privati che sostengono le cosiddette attività “extra istituzionali” del teatro, come le rappresentazioni lirico musicali destinate ai quartieri periferici e a rischio della città, o la Kids orchestra e il coro arcobaleno. 

 

 

 

 

Luogo

Teatro Massimo
Piazza Verdi
Palermo, Italia
+ Google Maps
Telefono:
0916053580
Sito web:
www.teatromassimo.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*