Home / CRONACA / L’estate siciliana dello squalo bianco

L’estate siciliana dello squalo bianco

Uno squalo bianco è stato avvistato nelle acque a largo di Lampedusa, lo scorso 23 Maggio. Ad essere sorpresi dal grande esemplare alcuni pescatori che si trovavano a bordo di un peschereccio.

Squalo biancoSarebbe lungo 5 metri, lo squalo bianco che alcuni pescatori si sono ritrovati a immortalare al di sotto della loro imbarcazione. L’incontro è avvenuto a circa dieci miglia a sud dell’Isola di Lampedusa, durante una battuta di pesca. Si tratterebbe di un esemplare femmina.

Suggestive le immagini carpite da un membro dell’equipaggio, Salvatore Sicurello. Lo squalo bianco nuota, contemplativo e minaccioso, molto vicino al peschereccio. Si lascia ammirare, poi si immerge e al risalire in superficie par puntare, da un punto lontano ed in velocità, contro lo scafo.

Nei commenti sulla barca, lo stupore e un qual certo timore reverenziale.

Il tutto per soli 3 minuti. Come nel film di Steven Spielberg del 1975 lo Squalo, la pinna dorsale emerge tra il fluttuare delle onde. Lo specchio scintillante delle acque lampedusane ne rivela la grossa stazza.

La presenza dello squalo bianco nelle acque comprese tra Malta, la Tunisia e la Sicilia, secondo i biologi del WWF, non dovrebbe suscitare tale sbigottimento. Quest’area marina, anche denominata canale di Sicilia, è nota infatti per essere habitat nonché area di riproduzione per questi grandi predatori.

La popolazione di squali del mediterraneo è isolata, dunque geneticamente distinta dalle specie che dimorano le ben più fredde acque delle coste atlantiche. Nei nostri mari lo squalo bianco preda principalmente tonni e occasionalmente delfini.Squalo bianco

È, altresì, una specie a rischio d’estinzione. Classificato come CR (Critically Endengared) dalla Iucn (International Union of Conservation of Nature) la sua presenza nel nostro mare ha subito una contrazione dell’ 80% negli ultimi 69 anni. Cause di tale declino le catture accidentali nelle attrezzature da pesca, nonché le persecuzioni, scaturite dalla negativa reputazione che lo squalo bianco reca in relazione agli esseri umani. Risultano carenti, ad oggi, le misure atte alla protezione della specie.

Secondo il WWF  «L’avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane ha riproposto il tema della conservazione di questi predatori, cruciali per il loro ruolo ecologico perché posti al vertice della piramide alimentare».

 

 

 

Enrico Rosolino

Enrico Rosolino apre il suo cuore al mondo delle arti alla tenera età di 2 anni, allorquando assiste alla proiezione cinematografica del lungometraggio animato di Walt Disney, Biancaneve e i sette nani. Ha inizio così un lungo percorso di scoperta e apprendimento nel variegato e sfaccettato mondo delle arti. Da piccolissimo si appassiona alla recitazione. Negli studi pone molta enfasi e impegno nelle materie umanistiche e, dunque, sceglie un liceo Classico. Durante l'adolescenza si diletta nella lettura ed interpretazione -a voce alta- dei classici greci. A 15 anni si avvicina concretamente al mondo della danza. Prende lezioni di balletto classico per 12 anni, e ad anni alterni segue dei corsi di danza moderna e contemporanea. L'arte coreutica diviene la sua più grande passione e territorio prolifico di ricerca. Si laurea allo STAMS di Palermo, e si specializza al DAMS di Bologna. Nel capoluogo emiliano affina e porta a più completa maturazione le sue conoscenze e il suo senso estetico e critico d'ambito teatrale. Viaggia molto, visita Parigi, New York, Londra, Barcellona, Copenaghen, Boston, Atene e molte altre città del mondo godendo di un approccio diretto e sentimentale con le di loro bellezze artistiche e culturali. Vive attualmente a Palermo e coltiva moltissimi interessi nei più svariati contesti. Per Verve si occuperà della rubrica dedicata al Teatro e agli eventi dal vivo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*