Home / CUCINA / Ricetta d’amore. Crema di finocchi con tonno scottato al sesamo e quinoa saltata

Ricetta d’amore. Crema di finocchi con tonno scottato al sesamo e quinoa saltata


Siamo entrati nel vivo della settimana più attesa dalle coppie di innamorati, quella che tra pochi giorni farà sorgere l’alba della festa di San Valentino. Il nostro Chef Mario Puccio propone un’altra ricetta da replicare facilmente nelle nostre cucine, qualora l’idea di una cena al ristorante non sia realizzabile o si voglia dare una prova d’amore anche ai fornelli di casa propria. Come provetti cuochi , sarà facile lasciarsi guidare nell’esecuzione di questo antipasto delizioso. Provare per credere. 

12606794_10205481524894395_2076308205_n (3)

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 finocchi
  • 1 cipollotto
  • 200 gr di tonno fresco
  • 150 gr di quinoa
  • 40 gr di sesamo
  • Un mazzetto di finocchietto
  • 1 limone
  • Olio extravergine d’oliva

Procedimento

Cominciamo nettando i finocchi , lavandoli con cura in abbondante acqua corrente. A questo punto occorre tagliarli a quarti e metterli in un pentolino con quinoa_600dell’acqua calda, lasciandoli cuocere a fiamma bassa.  A parte, mettiamo a cuocere la quinoa, facendola
andare fino a cottura ultimata.

Procediamo adesso alla cottura del tonno, non prima di aver pareggiato i bordi dei tranci acquistati ottenendo dei cubi regolari.  Questi li andremo a passare nel sesamo e poi li scotteremo in padella calda con un filo d’olio, tonnofacendo attenzione a lasciarli molto al sangue, quindi croccanti fuori e morbidi dentro. E’ arrivato il momento di saltare la quinoa in padella con il cipollotto ed il finocchietto tritato, gustando di sale.

Per ottenere la crema di finocchi  occorre  frullare con dell’olio quelli che avevamo messo a cuocere ,  aromatizzando la purea ottenuta con della scorza di limone grattugiata.

E’ ora di passare alla composizione del piatto . In un bicchiere o una coppa Martini versiamo la nostra crema di finocchi non molto calda, sistemiamo sopra il cubo di tonno, aggiungiamo la quinoa ed infine decoriamo con un ciuffo di finocchietto.

Ecco servita un’idea per un antipasto sfizioso e leggero da gustare come entrèe , non solo a San Valentino ma in tutte le occasioni speciali che richiederanno un tocco di creatività ai fornelli. 

(Foto ingredienti fonte web )

Mario Puccio

Figlio d’arte, inizia da giovanissimo a cimentarsi tra i fornelli con uno sguardo all’innovazione sempre nel nome della qualità e della sua terra. Mario Puccio, chef di Palermo iscritto alla Federazione Italiana Cuochi, muove così i suoi primi passi in uno dei più antichi ristoranti di Palermo e provincia: il Ristorante Puccio. Con le idee ben chiare sin da subito, a 18 anni, appena conseguito il diploma alberghiero, intraprende i suoi viaggi culinari per carpire i segreti del mestiere e confrontarsi con chef di noti e rinomati alberghi e ristoranti francesi stellati. E’ qui che apprende i segreti della Nouvelle Cousine e della cucina francese in generale. Al ritorno dalla Francia, comincia a collaborare nel ristorante di famiglia mettendo a frutto quel bagaglio di competenze e conoscenze acquisite sia Oltralpe che durante gli anni di scuola passati accanto ai più grandi Maestri della cucina siciliana. La sua cucina è innovativa nelle tecniche ma legata ai prodotti del territorio nel nome della valorizzazione della dieta mediterranea. Oggi vive la realtà delle scuole alberghiere contribuendo a fare appassionare le giovani promesse. Riveste inoltre il ruolo di Capitano del Culinary team Palermo, squadra ufficiale dell’Associazione Cuochi e Pasticceri di Palermo, Vicepresidente dell’associazione provinciale cuochi e pasticceri di Palermo e membro della prestigiosa associazione Euro-Toque.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*