Home / BENESSERE / Trovare la motivazione per rimettersi in forma: la mia esperienza

Trovare la motivazione per rimettersi in forma: la mia esperienza

Settembre è l’anno zero di ogni buon proposito per il proprio benessere. La nostra blogger Sabrina racconta la sua esperienza sul come trovare la motivazione per rimettersi in forma, a due anni dall’inizio del percorso che le ha permesso di perdere quasi 20kg.

Affidare alle pagine di questo blog un’esperienza personale, che mi ha permesso di cambiare vita, non è semplice. Ma Verve Magazine è anche condivisione di storie ed è giunto il momento di raccontare la mia su come trovare la motivazione per rimettersi in forma.

Settembre 2017: iniziare con il piede giusto.

Avevo trascorso l’estate del 2017 sopportando la visione dei miei kg in più, odiando quelle foto al mare in cui non mi riconoscevo.

Il mio primo post-allenamento, dopo 10 anni di inattività.

La mia altezza, 173 cm, in qualche modo camuffava un’abbondanza di chili eccessiva, un sovrappeso al limite dell’obesità che comportava una serie di disturbi fisici non indifferenti: dolori alle articolazioni, mal di testa frequenti, lombo-sciatalgie improvvise ecc. Ma il male peggiore, probabilmente, lo avvertivo nei camerini di prova dei negozi di abbigliamento. Una taglia 48 sempre troppo stretta ed impossibile da trovare nei negozi più trendy, quella terribile sensazione delle cerniere che non salivano, quell’insoddisfazione cronica di chi vorrebbe indossare ciò che indossano gli altri ma non può.

Eppure, quel mio corpo burroso tutto sommato esercitava un certo fascino. Era un periodo in cui noi donne venivamo travolte dall’esplosione del fenomeno delle modelle curvy, ed in qualche modo, pericolosamente, raccontavo a me stessa che potevo far parte a pieno titolo di quella categoria.

L’orgoglio curvy come panacea ai miei mali si è rivelato un bluff. Così, senza riflettere più di tanto su come avrei dovuto affrontare il mio problema, ho chiamato un’amica e le ho proposto di iscriverci insieme in palestra. Sapevo di aver bisogno di un appoggio, di una scusa per non mollare.

Scelsi l’allenamento più duro ed intenso che potessero offrirmi. Sapevo, per esperienza e per cultura personale, che avrei dovuto impegnarmi ed accettare di faticare, sudare, spingere il mio corpo oltre i suoi limiti. Fu il mio modo per iniziare “con il piede giusto”.

1° STEP PER TROVARE LA MOTIVAZIONE PER RIMETTERSI IN FORMA

Mettersi in gioco, senza se e senza ma. Affidarsi completamente a chi svolge con professionalità il mestiere di allenatore e dietista o nutrizionista.

Tips: per invogliarti maggiormente ad iscriverti in palestra, coinvolgi un amico/a e fai una sessione di shopping dedicata all’abbigliamento fitness.

Settembre 2018: i primi veri cambiamenti passano dalla testa.

La prima volta in cui ho mostrato in pubblico i miei progressi.

Ad un anno esatto da quella decisione di cambiare vita, mi ritrovavo con diversi chili in meno, un corpo in salute e tante nuove consapevolezze.

Una di queste, la più importante, è stata quella di capire che dovevo riempire la vita, non la pancia. Per quanto banale possa essere da raccontare, sono sempre stata una di quelle persone pronta a sacrificare sé stessa in ogni occasione, mettendosi sempre in secondo piano. Mangiavo poco e male. Riempivo la pancia con cibi poco sani per la fretta di riuscire a far fronte a tutti i miei impegni quotidiani.

In quel primo anno di cambiamenti, oltre ad affrontare con costanza i miei 3\4 allenamenti settimanali, mi sono affidata ad un professionista dell’alimentazione che mi ha insegnato a nutrirmi bene ed in modo ottimale per i miei obiettivi.

Seppur ancora non completamente in forma, in quell’anno ho sperimentato una tenacia mai vista prima. Il mio aspetto fisico ha subito degli straordinari miglioramenti, ma ciò che è cambiato dentro di me è stato ancora più intenso. Finalmente, avevo imparato a volermi bene, a mettermi in primo piano senza trascurare gli altri.

2° STEP PER TROVARE LA MOTIVAZIONE PER RIMETTERSI IN FORMA

Mettere in discussione la propria mentalità. Dare a chi ne sa più di noi la possibilità di cambiarci la vita. Nei momenti di pigrizia ( che non mi hanno mai abbandonato) governavo la mente, focalizzando l’attenzione su quella sensazione di gratificazione estrema che provavo ogni qualvolta qualcuno si accorgeva dei miei miglioramenti .

Tips: sapersi ricompensare. Scegliere un giorno della settimana in cui avere un pasto libero da godere in buona compagnia ed imprimere nella propria mente tutte le sensazioni positive dettate dall’appagamento per quel premio. Tutto ciò rappresenta uno stimolo affrontare ogni nuova settimana di dieta e allenamenti. 

Settembre 2019: riuscire a vedersi come si è veramente

Sono passati due anni dall’inizio del mio cambiamento. Ho perso 3 taglie da quel famoso settembre 2017. Il mio peso è passato da 86,5 KG a 67,5 KG.

La mia routine quotidiana di benessere è focalizzata ancora sull’alimentazione sana e sugli allenamenti costanti. Ciò che è cambiato è il mio modo di affrontare questo percorso. Ho compreso che c’è stato un inizio, ma non ci sarà una fine, se vorrò mantenere i risultati ottenuti.

La “prova bikini” affrontata senza dare peso ai tanti timori che da sempre mi attanagliavano.

Cambiare stile di vita e renderlo la mia routine è stato un percorso non sempre costellato da ferrea forza di volontà, ma ho saputo cadere e rialzarmi dai miei sbagli.

Tutto ciò che oggi mi sembra naturale, come la preparazione di pasti sani e abbondanti o l’affrontare allenamenti massacranti, è il frutto di sacrifici.

I cambiamenti duraturi derivano dal non cedere ai mezzi facili ed ingannevoli, che spesso ci presentano come soluzioni ai nostri problemi. Mi riferisco a pasti sintetici sostitutivi, pozioni miracolose, strumenti che promettono di farti allenare stando seduto sul divano.

3° STEP PER TROVARE LA MOTIVAZIONE PER RIMETTERSI IN FORMA

Celebra i tuoi risultati e pretendi di essere amata/o per ciò che sei, non per la taglia che indossi. Ho fatto fatica a rendermi conto della mia nuova immagine, finché non ho permesso agli altri di farmi notare i grandi cambiamenti maturati. 

Gli “altri” sono fondamentali in questo tipo di percorso. Si può trattare di amici, di un partner, della famiglia: insomma, di chi può volere solo il vostro bene.

In questo mio percorso ho incontrato tante persone che hanno cercato di destabilizzarmi. Uomini che mi desideravano più grassa o ancora più magra, pseudo professionisti che di presenza mi incoraggiavano e dietro le spalle dicevano che non ce l’avrei mai fatta.

Tips: imparare a guardarsi allo specchio. Se è necessario, monitorare tramite foto e video i progressi, annotare su un diario i pensieri, le paure, gli sgarri. I nostri occhi possono portarci, talvolta, a mentire, perché essere obiettivi con sé stessi è complicato. E’ necessario farsi aiutare a vederci con altri occhi da chi ci vuole veramente bene.

Riassumendo…Cosa ho imparato da questa esperienza volta a trovare la motivazione per rimettersi in forma?

  • Prima e durante

    Il fitness e la sana alimentazione rendono persone più felici: ci si vede meglio, ci si carica di energia positiva, si instaurano nuove relazioni personali che arricchiscono la vita.

  • Occorre sapersi ricompensare.
  • La vera motivazione nasce da dentro e non può essere inculcata. Occorre trovare i propri buoni, pochi e veri motivi per cambiare vita.
  • Non c’è spazio per l’autocommiserazione. Annoia gli altri e a non arreca nessun beneficio alla propria vita.

Stai anche tu per iniziare un percorso per ritrovare la tua forma fisica migliore? Commenta questo post per qualsiasi curiosità sulla mia esperienza.

LEGGI ANCHE:

Strong is the new skinny, il benessere oltre la taglia

Fitness influencer italiane. Motivati con Silvia Fascians

Cosa mangiare prima dell’allenamento. I consigli dell’esperto

 

 

 

Sabrina Gottuso

Classe '86, blogger, redattrice giornalistica. Appena ventenne ho iniziato le mie prime collaborazioni con diversi web magazine, occupandomi di politica, società e spettacolo. Sono stata collaboratrice al Giornale di Sicilia per la cronaca locale e corrispondente del programma radio-tv "Ditelo ad RGS". Nel 2015 ho fondato con altri colleghi Verve Magazine, dando spazio finalmente alla mia grande passione per la moda. Collezionatrice seriale di borse e scarpe, vedo la moda come un veicolo di esternazione della propria personalità. Com'è la mia? Estremamente creativa e caparbia. Dopo aver lavorato in tv locali come assistente di produzione e autrice, sogno di condurre un programma tutto mio e di vivere di scrittura. Nel frattempo sto ultimando i miei studi in Giurisprudenza e aprendo la mia professionalità al mondo della comunicazione a 360°, occupandomi di Copywriting e Social Media Marketing.

2 commenti

  1. Io da gennaio ho perso 11 Kg, mangiando meglio e, soprattutto, dedicandomi di più a me stessa…

    • Complimenti, Bea! E’ proprio vero: basta dedicare più tempo a se stessi per vedere un netto miglioramento. Continua così!

Rispondi a Bea Cancella Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*