Home / EVENTI / Nuovissimo e sorprendente lo spettacolo del Circo Nelly Orfei a Palermo fino al 26 gennaio

Nuovissimo e sorprendente lo spettacolo del Circo Nelly Orfei a Palermo fino al 26 gennaio

Con una grande serata di spettacolo, promossa da Radio Time, la città di Palermo ha dato il suo più caloroso benvenuto al Circo Nelly Orfei. Divertimento e meraviglia, son stati elargiti dal rinnovato circus show dell’ibrida compagnia circense (la direzione è della famiglia Martini,ma vi partecipano artisti e animali delle famiglie Orfei e Bellucci). Platea e spalti sold out, fragorosi gli applausi.

Questa nuova produzione del Circo Nelly Orfei, pur conservando le gaie atmosfere della tradizione, è pregna d’una regia giovane ed energica, ricca di glamour in stile videoclip musicale e suggestioni da film astro-fantascientifico.

Uno splendido show cui Radio Time ha dedicato una gradevolissima serata promozionale, giovedì 5 dicembre. Mattatori dell’evento, speaker e Deejay dell’emittente. Ospiti speciali le ragazze della Palermo femminile di calcio, accompagnate dalla loro allenatrice.

Nuovissimo lo chapiteau, giallo-nero a 4 antenne, sotto il quale è raccolto ben riscaldato e confortevole questo microcosmo circense. Per altro, montato e inaugurato proprio a Palermo.

A deliziarci sulla pista la genuinità allegra e partecipe di  Balto e Boris, splendida coppia di Border Collie guidati, tra salti e scherzi, dall’amico umano Mister Adam. A seguire la strabiliante perizia ginnica dell’antipodista portoghese Sirle Saba. Caschetto bruno in stile Cleopatra ed uno sguardo profondo e sensuale, la Saba ha sbigottito il pubblico facendo ruotare e volteggiare, sul solo palmo dei piedi, due enormi bilancieri dalle estremità fiammeggianti.

Amabili gli sketch al mini scivolo, al carrellino ed alla sdraio in miniatura, degli sgargianti pappagalli di Miss. Miriam Zorzan. Capelli biondi ed un sorriso smagliante, tale e quale a quello di Antonella Clerici. Romanticismo e leggiadria alla sfera volante, tra acrobatici volteggi e suadenti pose plastiche su delicate oscillazioni, per il duo madrileno Passione.

Ad esibirsi con i grandi felini la prima ed attualmente unica donna domatrice d’Italia, Tania Niemen (discendente della famiglia Orfei).

Con la Niemen, dentro la gabbia, due leoni ed una leonessa: sono l’imponente Leo, placido e coccolone come un micio di casa, il vanitoso e altero Sultan, piuttosto incline al ruggito e Piccola deliziosa miniatura leonina dagli occhi vispi e la zampata facile.

Ha illuminato il circo della sua avvenenza, insieme possente ed eterea da vero principe azzurro, l’istrionico  Alessandro Bellucci. Nel primo tempo funambolo di grazia e agilità sul cavo d’acciaio, nel secondo tempo amorevole addestratore d’un ricco serraglio di splendidi mammiferi erbivori.

A distinguersi, regale, Zeus un magnifico maschio di giraffa. L’esemplare, una volta in pista,  ha avvicinato il muso tenero e serafico verso i fortunati che sedevano in prima fila e si è lasciato carezzare. Il corpo slanciato, preservato dal freddo grazie ad una mantellina in piume d’oca. Con il suo incedere aggraziato Zeus ha coinvolto gli astanti in una magnifica atmosfera onirica.

A chiudere lo spettacolo i verticalisti Martis Brothers, con le loro incredibili performance in grado di amalgamare equilibrio e potenza muscolare, quando non forza bruta.

Ne è esempio lampante il numero “mano a mano” vincitore al festival circense di Grenoble. Un uomo in candela è retto da un uomo in posizione supina, questi ha le gambe arcuate su una sorta di spalliera e la schiena adagiata su una superficie raso terra.  Dovrà, con una spinta di risalita, della sola fascia addominale, porsi in piedi.

L’esercizio a prima prova abortisce; spaventa il pubblico una brutta caduta sulla schiena di uno dei due artisti. Nonostante ciò, passato lo spavento, i Martin Brothers ci  ritentano e, nella suspense generale, portano a compimento l’impresa.

La goliardia ludica e ilare dei clown e riservata alla strana coppia Briciola e Bred. Un nano gentile ma tutto d’un pezzo ed un riccioluto ragazzo alto e longilineo dalla gestualità travolgente. I deliziosi intermezzi canori, su grandi successi della musica jazz e pop, si devono invece alla vocalità rosea e calda della palermitana Silvia Amighetti (vincitrice del Talent di radio Time, Extra-Time).

Uno spettacolo di qualità, garbato e fastoso, sorprendente e geniale, differente dai tanti in circolazione, in questo periodo, sul suolo nazionale. Consigliato a grandi e piccini.

Il circo resterà a Palermo fino al 26 gennaio, per maggiori info cliccate su https://www.vervemagazine.it/evento/il-circo/ 

Foto di Pasquale Ponente.

 

Enrico Rosolino

Enrico Rosolino apre il suo cuore al mondo delle arti alla tenera età di 2 anni, allorquando assiste alla proiezione cinematografica del lungometraggio animato di Walt Disney, Biancaneve e i sette nani. Ha inizio così un lungo percorso di scoperta e apprendimento nel variegato e sfaccettato mondo delle arti. Da piccolissimo si appassiona alla recitazione. Negli studi pone molta enfasi e impegno nelle materie umanistiche e, dunque, sceglie un liceo Classico. Durante l'adolescenza si diletta nella lettura ed interpretazione -a voce alta- dei classici greci. A 15 anni si avvicina concretamente al mondo della danza. Prende lezioni di balletto classico per 12 anni, e ad anni alterni segue dei corsi di danza moderna e contemporanea. L'arte coreutica diviene la sua più grande passione e territorio prolifico di ricerca. Si laurea allo STAMS di Palermo, e si specializza al DAMS di Bologna. Nel capoluogo emiliano affina e porta a più completa maturazione le sue conoscenze e il suo senso estetico e critico d'ambito teatrale. Viaggia molto, visita Parigi, New York, Londra, Barcellona, Copenaghen, Boston, Atene e molte altre città del mondo godendo di un approccio diretto e sentimentale con le di loro bellezze artistiche e culturali. Vive attualmente a Palermo e coltiva moltissimi interessi nei più svariati contesti. Per Verve si occuperà della rubrica dedicata al Teatro e agli eventi dal vivo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*